Archive for the ‘google’ Category

Leggendo il blog di Maestrini per caso, l’articolo “Infomerciami ma non eyeballarmi“ mi ha fatto riflettere sullo shopping online e su come venga percepito l’advertising in Italia, meglio l’online advertising.

Il risultato è che partono email come questa: “guardi lo spazio di membro“ che rendono sempre più difficile raggiungere, stuzzicare l’utente finale.

Ma un post ancor più interessante sul tracking degli utenti, per studiarne i consumi e costruire una profilazione dettagliata degli utenti è descritto in questo post, su cui mi sento di condividere una frase in particolare.

Si potrebbero raccogliere informazioni da terze parti, ad esempio “social network”: se penso a quello che un commesso librario potrebbe offrirmi dopo essersi studiato il mio account di Anobii, mi viene la pelle d’oca: potrebbe darmi titoli di libri che io non potrei rifiutarmi di acquistare.

Ultimamente tengo molto alla nostra identità online e a come si può capirne di più.

Detto questo, sono il primo che non rinuncia a scrivere su Faccialibro, caricare flickr, condividere feed e in primis scrivere su twitter.

Annunci

Ho chiaccerato parecchie volte con amici, familiari che mi chiedono come google possa sopravvivere, come si possa tenere in piedi un impero, offrendo dei servizi: google search, reader, product, gmail, and so on.

La risposta è rinchiusa in questo post.

e il riassunto è questo:

But in order to get there, Google needs you to change. They need you to drop your resistance to being listened to, tracked and monitored at all times. They want you to be the best product you can possibly be. Google’s customers will love you.

Moon 2.0

L’azienda Google ha deciso di cambiare rotta: dalla ricerca sui testi alla ricerca di silicio.

Google infatti apre il Google Lunar X PRIZE Competition, una concorso rivolto ai privati, per portare sulla luna un robot in grado di eseguire alcune operazioni sulla superficie lunare:

• High resolution 360º panoramic photographs taken on the surface of the Moon;
• Self portraits of the rover taken on the surface of the Moon;
• Near-real time videos showing the craft’s journey along the lunar surface;
• High Definition (HD) video;
• Transmission of a cached set of data, loaded on the craft before launch (e.g. first email from the Moon).

Google sponsorizza subito 20 mil $ al vincitore e 10 mil $ nei successivi anni che porterà a termine altre ricerche.

Il filmato di presentazione è in puro stile americano, cioè troppo “tamarro”, come realemente sono nella loro indole.

Nella metà del filmato si può sentire le motivazioni della loro spedizione: la ricerca di silicio, che sulla luna è presente in grosse quantità, per la costruzione di pannelli fotovoltaici come fonte di energia elettrica da portare sulla terra (come mi domando?). Oppure, dico io, loro sono più interesanti alla produzioni di wafer di silicio per la produzione di processori / hardware per computer ?

L’idea è sicuramente bella, chissà se a google non leggano forse troppi libri di Asimov, chessò Fondazione e Terra …